Ufficio stampa

I classici nostri contemporanei: dal 19 gennaio al Guglielmi la rassegna che porta in scena quattro grandi testi classici

Dopo il successo dello scorso anno l’assessorato alla cultura e Fondazione Toscana Spettacolo rilanciano anche per il 2007 la rassegna di prosa  “I classici nostri contemporanei”. Si tratta di quattro spettacoli per quattro testi classici riscoperti da quattro giovani compagnie. Dal 19 gennaio prossimo al  Guglielmi si potranno gustare le piéce scritte da Goldoni, Garçia Lorca, Eschilo e Beckett ad un prezzo davvero vantaggioso. Oltre ad aver aumentato il numero degli spettacoli (lo scorso anno erano tre) il settore Cultura e Fondazione Toscana Spettacolo propongono quest’anno una bella iniziativa collaterale dal titolo “Il Teatro in Biblioteca, la Biblioteca a Teatro”. Presso la Biblioteca civica Stefano Giampaoli nei giorni di spettacolo si svolgeranno, nella sala della Linea Gotica a partire dalle 16,30,  incontri con le compagnie, mentre a teatro una postazione della Biblioteca darà informazioni su percorsi di lettura degli autori messi in scena oltre a fornire notizie e biografie sugli stessi.
Per questa rassegna, voluta soprattutto per avvicinare i più giovani a teatro e studiata per un pubblico di nicchia che vuole recuperare i classici riproposti da giovani ma già noti artisti, è partita la campagna vendita biglietti. Il teatro sarà interamente a disposizione per ogni spettacolo che è a posto unico al prezzo di € 10,00 (€ 8,00 per il ridotto) . In abbonamento si potranno vedere tutti e quattro gli spettacoli al prezzo speciale di  € 26,00. Come ha ricordato l’assessore Sabino Antonioli l’amministrazione ha voluto investire in questa rassegna che si rivolge espressamente, per temi e costi, ad un pubblico giovane. Oltre ad aver accresciuto il numero degli spettacoli  - ha aggiunto l’assessore alla cultura - abbiamo pensato di coinvolgere la cittadinanza in un rapporto diretto con le compagnie portandole però in Biblioteca in modo da creare uno stimolante interscambio di pubblico" 

Argomenti del sito: 


Si chiama PEC ed è il nuovo servizio di Posta Elettronica Certificata attivo in comune presso l'ufficio protocollo

Si chiama PEC, l’acronimo di Posta Elettronica Certificata, ed è il nuovo servizio di posta attivato in Comune in ottemperanza a quanto previsto dal Codice dell’Amministrazione Digitale (Dlgs n° 82 del 7 marzo 2005).
Si tratta infatti di una casella di posta elettronica il cui indirizzo è comune.massa@postacert.toscana.it ed è un sistema di comunicazione molto simile alla posta elettronica standard a cui si aggiungono alcune caratteristiche tecnologiche di sicurezza e di certificazione della trasmissione che rendono i  messaggi opponibili a terzi. I documenti trasmessi con questo sistema di posta elettronico sono inviati con firma digitale e quindi, per tutti gli effetti di legge, equivalenti all’originale, in altre parole, copie conformi dell’originale stesso.
Da quest’anno i cittadini, le imprese e le altre Pubbliche Amministrazioni locali e centrali, dotate a loro volta di una propria casella di PEC, potranno comunicare con il Comune di Massa inviando documenti informatici (file) con le stesse garanzie legali della Raccomandata Postale con Ricevuta di Ritorno. Queste garanzie sono legate al fatto che il mittente appena spedisce un regolare messaggio di PEC riceve dal proprio gestore di posta certificata una "ricevuta di accettazione" la quale, in quanto firmata digitalmente dal gestore stesso, ha lo stesso valore legale della ricevuta che le Poste rilasciano al momento della consegna di una raccomandata.
Inoltre, quando il messaggio spedito viene depositato nella casella di PEC del destinatario, il mittente riceve dal gestore della posta certificata un'ulteriore "ricevuta di consegna", anch'essa firmata digitalmente e quindi in quanto tale equivalente a tutti gli effetti di legge alla cartolina di A/R rilasciata dalle Poste. Ulteriore valore aggiunto di questo strumento è che, al contrario di quanto succede con la raccomandata ordinaria, la ricevuta di consegna contiene, in allegato, anche il messaggio vero e proprio (con tutti gli eventuali allegati). Questo significa che la PEC fornisce al mittente una prova, firmata dal gestore di posta certificata del destinatario, di tutto il contenuto che è stato recapitato. L’attivazione della casella PEC del comune è stata possibile grazie al lavoro di coordinamento del settore Servizi Informatici  che con il dott. Franco Dalle Mura ha seguito le fasi di installazione e formazione del personale. Responsabile della casella PEC e dell’Ufficio Protocollo è la signora Dina Ceragioli.

Argomenti del sito: 


Il bilancio di un anno di attività e gli impegni per il futuro. Il Sindaco fa il punto con i giornalisti.

Un anno di lavoro, i progetti approvati, gli atti  trasmessi dalla Giunta alla valutazione del  Consiglio, i problemi affrontati e risolti, i programmi per il 2007. Il Sindaco, nella tradizionale conferenza stampa di fine anno, ha fatto il punto delle cose fatte e di quelle da fare annunciando gli obiettivi dell’Amministrazione Comunale per il nuovo anno . 
<<Abbiamo seminato bene – ha esordito Neri – e già dai primi mesi di quest’anno si vedranno i risultati di questo lungo e laborioso lavoro di programmazione >>.
Partendo da una stoccata alle finanziarie del governo Berlusconi che Neri ha definito << limitanti per gli Enti locali che si sono visti tagliare fondi e sono stati imbottigliati da una logica miope del risparmio dove gli investimenti nelle ricapitalizzazioni di aziende pubbliche erano inclusi fra le spese che incidevano sul patto di stabilità >> il Sindaco ha poi elencato i più importanti atti su cui ha lavorato l’organo esecutivo come il piano strutturale, il piano di zonizzazione acustica, la variante al piano di recupero alberghiero, l’avvio del cantiere per la realizzazione del nuovo ospedale, la trasformazione dell’Asmiu in Spa, gli studi per migliorare la viabilità e la qualità urbana con la progettazione e la realizzazione delle rotatorie.
Fra i risultati raggiunti nel 2006 Neri ha voluto ricordare il recupero di alcuni edifici  scolastici di competenza comunale come i nidi e le materne e i lavori di ampliamento e manutenzione straordinaria eseguiti nei cimiteri delle frazioni montane. <<Si trattava di operare alcune scelte - ha commentato il Sindaco - così abbiamo investito buona parte delle risorse di bilancio  in questi settori convinti che il senso sociale di una comunità si veda dalla qualità e dalla cura in cui vengono tenuti i beni pubblici>>. La stessa logica è stata seguita nella programmazione degli interventi di manutenzione stradale e riqualificazione urbana. Nel 2007 partiranno una serie di cantieri per il  lavoro preparatorio fatto durante l’anno e grazie al contratto di servizio con l’ASMIU e la trasformazione della azienda in spa, l’obiettivo è di raggiungere  l’ottimizzazione nel servizio di spazzamento e raccolta.
Altri importanti atti licenziati dalla Giunta sono stati il Regolamento delle attività di cava che si armonizza alla legge regionale evitando che si possano aprire “cave di sassi”; la ricapitalizzazione di  IMM ed Erika; la collaborazione con il Consorzio Zona; tutto voluto con l’intento di stimolare promozione, innovazione e ricerca a sostegno dell’impresa lapidea, artigianale, della nautica e della meccanica che sono il volano dell’economia locale.
Fra gli argomenti all’ordine del giorno e per il prossimo futuro, il Sindaco ha indicato la gara per quello che viene chiamato il  “global service manutentivo” cioè l’affidamento ad un unico soggetto dei lavori di manutenzione stradale sul territorio, la valutazione e lo studio del piano economico e finanziario per il progetto di pedonalizzazione di via E. Chiesa, la tematica Cat per migliorare la qualità del trasporto pubblico oltre ai tavoli di concertazione con Enti e associazioni del territorio sui grandi temi di interesse sovracomunale come il Porto di marina di Carrara e le infrastrutture viarie. Sul quadro politico, il consolidamento dell’Unione a Massa e la costruzione di un grande Partito Democratico sono gli obiettivi che vedono l’impegno convinto di Neri. <<L’importante -  ha concluso il Sindaco -  è che il percorso verso la costruzione del nuovo partito sia il più partecipato possibile, si deve lavorare affinchè vi si possano riconoscere le espressioni e le esperienze politiche di chiunque voglia portare il proprio contributo. Non importa quanto tempo ci vorrà, ci sono le condizioni perché si vada avanti >>.

Argomenti del sito: 


Mercatini e feste di piazza salutano l'avvio del nuovo anno. In mostra le specialità della tradizione agroalimentare massese

Eventi caratteristici attesi dalla comunità come appuntamenti della tradizione con qualche novità che apre al sociale per unire l’aspetto più prettamente turistico e commerciale di alcune fiere e mercatini tipici di inizio anno a quello culturale e recuperare il senso sociale delle festività.

Argomenti del sito: 


Natale a Massa: tradizione e feste di piazza per tutta la famiglia

Feste di piazza, animazione per bambini, concerti e presepi storici.Tra tradizione e spettacoli senza dimenticare uno spazio dedicato alla musica e ai concerti, il  Natale a Massa sarà un un’occasione per ritrovarsi con tutta la famiglia. E’ stato l’assessore Sabino Antonioli a presentare, in conferenza stampa, le manifestazioni organizzate dall’Amministrazione per le festività natalizie che si terranno, quasi quotidianamente, nelle vie e piazze del centro a partire da lunedì 18 dicembre e fino all’Epifania compresa.
Zampognari, babbi natale, presepi storici , concerti gospel e la tradizionale festa di Fine Anno in piazza Aranci sono gli avvenimenti che anche quest’anno animeranno gli angoli della città e creeranno momenti di incontro per i cittadini massesi e non. <<Abbiamo cercato – ha detto l’assessore - di costruire un programma adatto a tutti con un occhio particolare rivolto ai bambini senza dimenticare i più giovani perché siamo convinti che il Natale sia un’occasione per ritrovarsi e godere della compagnia di parenti e amici>>.
Si parte lunedì 18 dicembre con l’esibizione del Golden Gospel Singer sul palco del Garibaldi ed è confermato anche il concerto di musica classica di Capodanno in collaborazione con l’orchestra di Massa-Carrara. Appuntamento clou, la festa di fine anno in piazza Aranci che sarà ripresa e trasmessa in diretta dalle telecamere di Antenna 3 con musica e balli per arrivare all’incontro ormai tradizionale e atteso dai più piccoli con La Befana che vien dal Mare che porterà doni e dolcetti sul Pontile di marina di Massa.
Tra i punti di forza di queste manifestazioni l’organizzazione di presepi storici nei luoghi malaspiniani della città grazie alla collaborazione con il professor Alberto Grossi, le scuole del territorio e l’assessorato alla cultura a celebrare il 450° anno dalla fondazione di Massa. Non mancheranno le occasioni di beneficenza con la Befana Azzurra dei vigili urbani e ci saranno il tradizionale presepe meccanico alla Rocca e il Giocoloriamo di telefono Azzurro per i più piccoli.

Argomenti del sito: 


Pagine

Abbonamento a RSS - Ufficio stampa