Addizionale Comunale Irpef

Cos'è l'Addizionale comunale IRPEF
L'addizionale comunale IRPEF è una imposta istituita nel 1998 con D.L. 28/09/1998 n. 360 e successive modifiche, a decorrere dal 01/01/1999, poi modificato dall'art. 12 della legge n. 133 del 1999, dall'art. 6, comma 12, della legge n.488 del 1999 e dall'art. 28 delle legge n.342/2000, nell'ambito dell'avvio del decentramento fiscale; il Comune di Massa ha istituito l'addizionale con atto di Consiglio Comunale n. 31 del 23/03/1999.

Presupposti
Sono obbligati al pagamento dell'addizionale comunale IRPEF tutti i contribuenti tenuti al pagamento dell'IRPEF nell'anno di riferimento che hanno il domicilio fiscale nel Comune di Massa alla data del primo gennaio dell'anno cui si riferisce l'addizionale stessa, dopo aver effettuato tutte le deduzioni (abitazione principale e altri oneri deducibili/detraibili) ed aver calcolato i crediti d'imposta. Pertanto, i cosiddetti "soggetti passivi" sono tutte le persone fisiche.
Non sono soggetti all'addizionale IRPEF:

  • i contribuenti soggetti all'IRES;
  • i contribuenti che possiedono solo redditi esenti IRPEF;
  • i contribuenti che possiedono solo redditi soggetti a tassazione separata;
  • i contribuenti che possiedono un reddito complessivo che, al netto delle detrazione e dei crediti d'imposta, corrisponde ad un'IRPEF.

L'addizionale è dovuta al comune nel quale il contribuente ha il domicilio fiscale alla data del primo gennaio dell'anno cui si riferisce l'addizionale stessa

L'aliquota

Il Consiglio Comunale, ai sensi dell'art. 1, comma 142 e seguenti, della Legge 27/12/2006 n. 296 prevede, provvede all'adozione di apposito Regolamento, ai sensi dell'art. 52 del D.Lgs. 15/12/1997 n. 446, per la disciplina dell'applicazione dell'Addizionale Comunale all'IRPEF.


Il Comune di Massa con deliberazione del Consiglio Comunale il 30/07/2015 con atto n. 63, ha approvato il Regolamento per la variazione dell'aliquota di compartecipazione all'Addizionale Comunale all'IRPEF. L'aliquota è stabilita per scaglioni di reddito nella seguente misura:

SCAGLIONI DI REDDITOALIQUOTE
 da 0 a 15.000 euro 0,65
 da 15.000 a 28.000 0,70
 da 28.000 a 55.000 0,71
 da 55.000 a 75.000 0,79
 oltre 75.000 0,80


I contribuenti in possesso di redditi IRPEF inferiori ad euro 12.000,00 (dodicimila) sono esentata dal pagamento dell'addizionale comunale all'IRPEF

Il pagamento
Il pagamento dell'addizionale è effettuato, in acconto e saldo, avviene assieme unitamente al versamento dell'imposta sul reddito delle persone fisiche.


L'acconto dell'addizionale comunale è pari al 30% del totale, determinato applicando l'aliquota al reddito imponibile dell'anno precedente. Ai fini del calcolo dell'acconto, il contribuente (o il sostituto d'imposta) deve utilizzare, ai sensi dell'art. 8, comma 2, della Legge n. 190/2014, Legge di Stabilità 2015, la stessa aliquota prevista dal comune per il conteggio del saldo 2014.

Per i redditi di lavoro dipendente e i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente l'acconto dell'addizionale è determinato dai sostituti d'imposta e trattenuto in un numero massimo di 9 rate mensili, a partire dal mese di marzo.

Il saldo è determinato durante le operazioni di conguaglio ed è trattenuto per un massimo di 11 rate, a partire dal periodo di paga successivo a quello in cui le operazioni di conguaglio sono effettuate.
In caso di cessazione del rapporto di lavoro, l'addizionale residua viene prelevata in un'unica soluzione.
L'addizionale è calcolata applicando l'aliquota stabilita dal comune al reddito complessivo determinato ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, al netto degli oneri deducibili riconosciuti ai fini di tale imposta ed è dovuta se, per lo stesso anno, risulta dovuta l'imposta sul reddito delle persone fisiche;

Modalità di pagamento
Le modalità di versamento dell'addizionale comunale sono state fissate con decreto del Ministero delle Finanze. E' possibile effettuare il pagamento utilizzando il Modello F24 con modalità telematiche per i titolari di partita Iva, ovvero, con Modello F24 presso Banche, Agenzie Postali, Agenti della riscossione o con modalità telematiche per i non titolari di partita Iva ed inserendo il corretto codice del tributo:

- 3843 - Addizionale comunale all'Irpef - Autotassazione – acconto
- 3844 - Addizionale comunale all'Irpef - Autotassazione - saldo

Per i redditi da lavoro dipendente e assimilati sono i sostituti d'imposta ad effettuare il versamento entro il giorno 16 del mese successivo a quello i cui gli importi sono trattenuti.
Per i possessori di redditi diversi, invece, la determinazione ed il pagamento dell'addizionale avvengono in occasione della dichiarazione dei redditi.

Riferimenti normativi e atti deliberativi

- D.L. 28/09/1998 n. 360 e successive modifiche;
- Legge 27 Dicembre 1997 n. 449;
- Legge 16 giugno 1998 n. 191;
- Legge 27/12/2006 n. 296, art. 1, comma 142 e seguenti.
- Legge 24/07/2008 n. 126;
- Legge 14/09/2011 n. 148;
- Legge di stabilità dall'art. 13, comma 16 del Decreto 201/2011;
- Legge n. 190/2014, art. 8, comma 2
- Risoluzione n. 368/e del 12/12/2007

• Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 23/03/1999;
• Deliberazione di Consiglio Comunale n. 6 del 20/03/2001;
• Deliberazione di Consiglio Comunale n. 24 del 27/03/2002;
• Deliberazione della Giunta Comunale n. 114 del 30/04/2007, ratificata dal Consiglio Comunale il 07/05/2007 con atto n. 19;
• Deliberazione del Consiglio Comunale del 29/05/2008 n. 25
Deliberazione del Consiglio Comunale del 30/07/2015 n. 63

Argomenti del sito: 

Data ultima modifica: 
Mercoledì, 14 Ottobre, 2015