Autorizzazioni in deroga per attività rumorose

Il Comune di Massa, con atto di Consiglio Comunale n. 7 del 3 febbraio 2009 ha approvato il Piano di Classificazione Acustica (ZONIZZAZIONE ACUSTICA) in cui sono stabiliti i limiti di rumore tollerabile e da non superare nelle varie zone in cui è stato suddiviso il territorio comunale.
La legge Nazionale e Regionale, al fine di rendere possibili attività straordinarie e temporanee che nel loro svolgimento superano i livelli di tutela del rumore stabiliti per la zona interessata, prevede che il Comune possa concedere delle deroghe rispetto alla ZONIZZAZIONE ACUSTICA approvata.
Per fornire un  quadro certo di riferimento per la programmazione culturale cittadina, per gli operatori turistici, commerciali ed economici in generale (cantieri) cercando un ragionevole compromesso tra il diritto al riposo notturno dei cittadini e le esigenze lavorative, economiche e di svago legate alle attività rumorose, il Consiglio comunale, con atto n. 2 del 22 gennaio 2015, ha approvato un apposito Regolamento.
Il Regolamento, nel  recepire  le normative Nazionali e Regionali, disciplina conseguentemente il rilascio delle autorizzazioni come di seguito specificato:

Rilascio autorizzazioni in deroga per attività rumorose temporanee all’aperto che comportano il superamento dei limiti acustici previsti dal piano di classificazione acustica ma nel rispetto delle condizioni stabilite: durata, orari, limiti acustici, ubicazione.

Per attività temporanea si intende qualsiasi attività che si esaurisce in periodi di tempo limitato e/o legata ad ubicazioni variabili, per un massimo di giorni 30/anno. Si distingue in due tipologie di deroga:

DEROGA SEMPLIFICATA
o Comunicazione al Dirigente  per attività che rispettano le condizioni (durata, orari, limiti acustici, ubicazione, ecc) quali:

  • attività cantieristiche – durata max lavori 20 giorni – escluso sabato e domenica – limite acustico max da non superare 70 Db – orari dalle 8.00 alle 19.00
  • Spettacoli e manifestazioni a carattere temporaneo,mobile,all’aperto nelle apposite aree previste dal Piano di classificazione acustica – Durata -  NON E’ PREVISTO ALCUN LIMITE  DI TEMPO – limite acustico max quelli stabiliti nel piano di Classificazione acustica per l’area di riferimento – Orari dalle ore 10 alle ore 24;
  • Spettacoli e manifestazioni a carattere temporaneo, mobile, all’aperto al di fuori delle aree previste dal Piano di Classificazione acustica – organizzate da soggetti privati:Durata max 20 gg/anno classe V e VI, come meglio specificato all’art. 7 del Regolamento – orari dalle 10 alle 24 – Limiti acustici: 70 dB dalle ore 10 alle ore 22 – 60 dB dalle 22 alle 24.

Non possono comunque essere concesse deroghe per oltre giorni 30 nel corso dell’anno, anche se riferite a manifestazioni ed eventi diversi tra loro .

DEROGA NON SEMPLIFICATA
o ORDINARIA per le attività rumorose temporanee.
Rientrano in questa casistica le manifestazioni che si svolgono all’aperto al di fuori delle aree individuate dal Comune e che non possono rispettare i limiti di rumorosità, di ubicazione o di orario previsti per le deroghe semplificate, oltre ad alcune attività al chiuso.
Tale deroga dovrà rispettare le seguenti prescrizioni:

- Valutazione previsionale d’impatto acustico: redatta e sottoscritta da un tecnico competente in acustica ambientale, una relazione tecnico descrittiva che contenga le informazioni relative alle sorgenti di rumore; planimetria dell’are di intervento con evidenziate le sorgenti sonori, ecc.

GRANDI OPERE
Nei bandi di gara per l’appalto delle “grandi opere” dovrà essere inserito l’obbligo per le imprese aggiudicatarie di ottenere autorizzazioni in deroga ai limiti di rumore .
Le autorizzazioni avranno valore per la durata dei lavori e saranno rilasciate previa acquisizione dei pareri dell’ASL, e preventiva acquisizione dei dati tecnici dei macchinari utilizzati, modalità di utilizzo, ecc. come specificatamente richiamato all’art. 10 del regolamento.

CONTROLLI
E’ necessario distinguere tra due forme e modalità di controllo:

  1. controllo di carattere amministrativo a cura del Corpo di Polizia Municipale. Tale forma di controllo è indispensabile ai fini del rispetto del presente regolamento Il controllo dovrà essere finalizzato a verificare il possesso dell’atto autorizzatorio e della comunicazione inviata al Comune, per lo svolgimento delle audizioni musicali;  Il rispetto degli orari di svolgimento delle manifestazioni.
  2. controllo di carattere tecnico strumentale, a cura di ARPAT, o di altro tecnico incaricato, competente in “Acustica Ambientale”.

In allegato, gli operatori potranno reperire i fac-simile di domanda da inviare ai competenti settori dell’Amministrazione Comunale per il rilascio delle autorizzazioni.

Argomenti del sito: 

Data ultima modifica: 
Mercoledì, 20 Gennaio, 2016