Contributo per abbattimento barriere architettoniche

Settore - Staff, Sociale, Servizi Cimiteriali, Farmacie - Dirigente Massimo Tognocchi

Dove rivolgersi

Ufficio competente U.O. Politiche Sociali
Indirizzo Palazzo Comunale - via Porta Fabbrica n.1 - 2°p
Telefono0585/490290 -344-346
Referente Deborah Migliori
E-mail

deborah.migliori@comune.massa.ms.it

Orario martedì e giovedì 8.45/12.45 15.30/17.30

Per richiedere la concessione di contributi per l'abbattimento delle barriere architettoniche è necessario presentare una domanda su apposito modello al Comune di residenza ovvero dove si trova l'immobile oggetto dell'intervento. La domanda, corredata della documentazione prevista, deve contenere la descrizione delle opere da realizzare, delle attrezzature da acquistare e da installare, l'indicazione del relativo preventivo di spesa e la dichiarazione che attesta che i lavori non sono stati avviati o realizzati.
La domanda va presentata entro il 31 dicembre di ciascun anno.

CHI PUO' PRESENTARE DOMANDA DI CONTRIBUTO:

  • persone disabili con menomazioni o limitazioni permanenti di carattere fisico o di carattere sensoriale o di carattere cognitivo che hanno la residenza anagrafica negli edifici oggetto di eliminazione delle barriere architettoniche
  • persone disabili con menomazioni o limitazioni permanenti di carattere fisico o di carattere sensoriale o di carattere cognitivo che abbiano assunto la residenza anagrafica negli edifici oggetto di eliminazione delle barriere architettoniche entro tre mesi dal momento della comunicazione da parte del Comune dell'ammissione al contributo
  • coloro che esercitano la tutela, la potestà ovvero l'amministrazione di sostegno delle persone disabili con le menomazioni descritte sopra.


TIPOLOGIE DI INTERVENTO AMMESSE
A) opere edilizie direttamente finalizzate all'eliminazione delle barriere architettoniche, fisiche e percettive

B) acquisto e installazione di attrezzature direttamente finalizzate all'eliminazione delle barriere architettoniche, fisiche e percettive quali:
1. mezzi idonei a garantire il superamento dei dislivelli da parte delle persone con problemi di mobilità
2. strumenti idonei a favorire la sicurezza d'uso e la fruibilità degli spazi da parte delle persone disabili
3. dispositivi idonei a favorire l'orientamento e la mobilità negli ambienti
4. dispositivi impiantistici idonei a favorire l'autonomia domestica delle persone disabili.

ENTITA' DEL CONTRIBUTO
Per le opere descritte alla lettera A) può arrivare al 50% della spesa sostenuta, comunque per un importo non superiore a 7.500,00 euro per ogni singolo intervento.
Per le opere descritte alla lettera B) possono essere concessi contributi in misura non superiore a 10.000,00 euro per ogni singolo intervento

ITER DEL PROCEDIMENTO

Il Comune formerà una graduatoria attribuendo il punteggio come determinato nel Regolamento regionale (testo integrale emanato con Decreto del Presidente della Giunta regionale 3.01.2005 n. 11/R, pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n.3 del 12.01.2005) e cioè:

1. in relazione alla gravità della disabilità, accertata dalla autorità competente, si attribuisce un punteggio massimo di 70 punti su 100 (70/100) con le seguenti modalità:
- persone non deambulanti con disabilità totale: 70/100
- persone con menomazioni o limitazioni permanenti di tipo fisico o sensoriale o cognitivo, fino a 60 punti su 100 con la seguente specificazione: disabilità grave 40 punti, disabilità completa 60 punti

2. in relazione alla congruenza degli interventi con la tipologia della disabilità e con le esigenze della vita domestica del richiedente, attestata da apposita commissione istituita dal Comune, si attribuisce un punteggio massimo pari a 30 punti su 100, con le seguenti modalità:
- intervento coerente con la disabilità accertata: 15 punti
- intervento molto coerente con la disabilità accertata: 30 punti

L'erogazione del contributo è effettuata dal Comune, dopo l'esecuzione delle opere, l'acquisto e l'installazione delle attrezzature, sulla base della presentazione della documentazione attestante le spese sostenute e previa verifica della residenza anagrafica.

Normativa di riferimento

Legge Regionale 9.09.91 n.47, integrata dalla Legge Regionale 66/2003

Argomenti del sito: 

Data ultima modifica: 
Mercoledì, 25 Gennaio, 2017