La fontana di piazza Liberazione è tornata a zampillare

uno scorcio della restaurata fontana di piazza Liberazione

La fontana di piazza Liberazione, restaurata grazie ad un intervento sostenuto dall'azienda massese Matec con il contributo di un gruppo di studenti e professori del liceo Palma, è stata inaugurata sabato 27 giugno 2020.
All'inaugurazione erano presenti il sindaco Francesco Persiani, l'assessore ai Lavori pubblici Marco Guidi, il presidente del Consiglio Stefano Benedetti, Matteo Goich e Massimo Bertolucci di Matec, il vicario prefetto Giuseppe La Rosa e la restauratrice Marilena Bongiovanni con un gruppo di studenti e professori del liceo Palma che hanno collaborato ai lavori.
" L'intervento effettuato dall'azienda Matec e curato dalla restauratrice Marilena Bongiovanni assieme agli studenti del liceo artistico Palma conferma - ha detto il sindaco all''inaugurazione - che la sinergia tra più enti, tra pubblico e privato, funziona e porta a buoni frutti".
Prima dell'intervento di recupero la fontana presentava diversi problemi all'impianto idraulico, aveva lesioni sul fondo e sulle pareti di contenimento della vasca che causavano considerevoli perdite d' acqua mentre l'impianto elettrico, di adduzione e riciclo dell'acqua,  erano funzionanti solo in parte.
Grazie ad una convenzione sottoscritta con il Comune, la Matec Srl, azienda specializzata in impianti industriali di trattamento delle acque, ha simbolicamente adottato le  fontane di piazza Bad Kissingen, di largo Del Nero, della piazzetta di Ronchi e appunto quella dei "Putti" di  piazza Liberazione impegnandosi gratuitamente al loro recupero funzionale ed estetico  in cambio di ritorno in termini pubblicitari sulla propria attività.
Eseguiti gli altri interventi, restava per ultimo quello alla fontana di piazza Liberazione, oggettivamente il più complesso. Matec si è adoperata per la riparazione delle tubazioni, dell'impiantistica  idraulica e della nuova illuminazione. I lavori sono iniziati ad ottobre 2019, all'indomani del nulla osta sul progetto di recupero proposto dall'azienda e ottenuto dalla Soprintendenza di Belle Arti il 30 settembre scorso. L'emergenza sanitaria da Covid-19 e il blocco di tutti i cantieri ha interrotto i lavori di recupero della fontana che, ripesi solo in maggio, sono stati portati a termine in poco più di un mese.
Dal 27 giugno la fontana "dei Putti" è tornata a zampillare.

Fonte: D.L. ufficio stampa

Argomenti del sito: 
Data ultima modifica: 
Mercoledì, 8 Luglio, 2020