Misure di sostegno a favore di privati cittadini e delle attività economiche e produttive. Domande entro il 7 agosto

logo Regione Toscana e scritte

Con riferimento agli eventi metereologici 2019 la regione Toscana ha previsto l'applicazione di misure di immediato sostegno a favore dei nuclei familiari e delle attività economiche e produttive che hanno subito danni a seguito criticità atmosferiche nel periodo novembre - dicembre.

Come indicato dal Dipartimento di protezione civile, viene attivata la distribuzione dei modelli per i nuclei familiari (mod. B1) e per le attività economiche e produttive (mod. C1) in allegato, utili sia per chiedere il contributo di immediato sostegno, sia per la ricognizione dei danni subiti. In questa fase si raccomanda la massima attenzione a quantificare i danni subiti, poiché i dati dichiarati saranno utilizzati anche per il calcolo degli interventi di ripristino.

L'importo del contributo di immediato sostegno è di 5mila euro per i nuclei familiari, e di 20mila euro per le attività economiche e produttive (che includono imprese, liberi professionisti e associazioni no profit che esercitano un’attività economica).

Il modulo di richiesta del contributo di immediato sostegno e di ricognizione danni, sia di privati che di attività economiche e produttive, debitamente sottoscritto dal richiedente, deve essere presentato, per i beni danneggiati sul nostro territorio, al Comune entro le ore 23:59 del 7 agosto 2020, secondo le seguenti modalità:

  • per le attività economiche
    via PEC all’indirizzo del Comune: comune.massa@postacert.toscana.it
  • per i privati può essere consegnato a mano all’ufficio Protocollo del Comune (aperto da lunedì a venerdì dalle ore 9:00 alle ore 12:30 ed il martedì e giovedì anche dalle ore 15:30 alle ore 17:30; oppure tramite  PECall’indirizzo del Comune: comune.massa@postacert.toscana.it; o anche tramite raccomandata A/R (Comune di Massa, via Porta Fabbrica, 1 54100 - Massa): in tal caso farà fede la data del timbro dell’ufficio postale o dell’invio pec (in questi casi è comunque opportuno che si anticipi l’invio per posta elettronica.

In allegato i modelli di domanda contributi e ricognizione danni

*****************************************************************

Ufficio Relazioni con il Pubblico


 

Argomenti del sito: 
Data ultima modifica: 
Lunedì, 20 Luglio, 2020