Norme di sicurezza per i ciclisti

Settore Polizia Municipale, Istruzione, Cultura e Organizzazione - Dirigente Santo Tavella

Ufficio competente Polizia Municipale
Indirizzo via Le Jare n. 9, 54100 Massa
Telefono

numero verde: 800 66 55 33  fax: 0585/811013

E-mail

poliziamunicipale@comune.massa.ms.it

E’ necessario richiamare l’attenzione dei ciclisti sul rispetto di alcune fondamentali norme di prudenza, considerando che in una città come Massa, con il clima particolarmente mite, le biciclette vengono usate anche nei mesi autunnali o addirittura invernali e che il ciclista è un soggetto debole della circolazione stradale, pertanto particolarmente vulnerabile alle insidia derivanti dagli altri veicoli e dalla strada stessa.

E’ pertanto fondamentale:

  • fare attenzione alle manovre degli altri veicoli assicurandosi che, anche quando abbiamo la precedenza, gli altri si siano accorti della nostra presenza;
  • prestare attenzione alle circostanze impreviste, come pedoni distratti ed improvvise aperture delle portiere dei veicoli parcheggiati;
  • tenere (rigorosamente!!) la destra durante la propria marcia;
  • procedere sempre in fila indiana, salvo affiancare un minore di 10 anni, che procede sempre a destra: è comunque buona regola non marciare mai affiancati, nemmeno al di fuori dei centri abitati;
  • non fare brusche manovre o cambiare direzione all’improvviso: ci si rende meno prevedibili e perciò si aumenta il rischio di venire investiti;
  • segnalare sempre con il braccio le manovre di svolta a destra o sinistra;
  • non trasportare altre persone. Unica eccezione è per i bambini fino agli 8 anni di età e utilizzando gli appositi seggiolini e poggiapiedi;
  • evitare di trainare altre biciclette, condurre o farsi trainare da animali. Non farsi trainare da ciclomotori o altri veicoli;
  • utilizzare gli attraversamenti pedonali scendendo dalla bicicletta, altrimenti non si beneficia di nessuna precedenza;
  • qualora esistano piste ciclabili attive il loro uso è obbligatorio, in mancanza circolare occupando il margine destro della carreggiata;
  • curare la manutenzione periodica della bicicletta, che è pur sempre un mezzo meccanico, con particolare attenzione alla pressione ed all’usura  usura dei pneumatici, all’efficienza dei freni ed alla funzionalità delle luci, indossando una casacchina riflettente in condizioni di scarsa luminosità.

Si consideri, inoltre che la bicicletta è un vero e proprio veicolo, soggetto alle stesse norme degli altri veicoli circolanti su strada.
Deve avere il seguente equipaggiamento minimo: dispositivi di frenatura indipendenti su ogni ruota; campanello; fanale anteriore a luce bianca o gialla; fanale posteriore a luce rossa; catarifrangente rosso posteriore; catarifrangenti gialli sui pedali.
La mancanza anche di uno soli di tali dispositivi comporta la sanzione di 25,00 euro (art. 68 del Codice della Strada).
La Polizia Municipale, nell’interesse della sicurezza degli stessi ciclisti, effettuerà specifici controlli riguardanti il regolare equipaggiamento delle biciclette.

Argomenti del sito: 

Data ultima modifica: 
Giovedì, 12 Gennaio, 2017