Sostegno all'offerta dei servizi educativi per la prima infanzia ( 3-36 mesi)

L’investimento sulla prima infanzia rappresenta per la Regione Toscana un’area di attenzione particolarmente importante, coerentemente con quanto sostenuto dalla Raccomandazione della Commissione Europea (2013/112/UE ): investire nell’infanzia per rompere il circolo vizioso dello svantaggio sociale. La Regione pertanto impegna risorse economiche a favore dello sviluppo di servizi educativi di qualità, assegnando contributi agli Enti che abbiano presentato una progettazione educativa in linea con le politiche regionali in materia di prima infanzia.

Con il Decreto regionale 8781/2018 la Regione ha emanato l'avviso pubblico riferito all'anno educativo 2018/2019, al quale il Comune di Massa ha partecipato sviluppando la propria progettazione sia in termini di risposta alle criticità individuate sul territorio che alle strategie messe in campo per il raggiungimento degli  obiettivi fissati dalla normativa in oggetto.

L’Amministrazione Comunale ha  investito negli anni nella qualità dei propri servizi educativi, tenendo presente che l’educazione e la cura della prima infanzia costituiscono la base essenziale per il buon esito dell’apprendimento. Le azioni previste mirano pertanto a consolidare i servizi comunali dedicati all'infanzia, incrementando la proposta educativa attraverso l'innalzamento della qualità, dell'offerta integrata, dell'ampliamento dell'orario di funzionamento, dell'apertura anche nel periodo estivo.

Le risorse assegnate dalla Regione Toscana con Decreto n.13767 del 30 Agosto 2018 al Comune di Massa, sono pari a € 145.964,14 e saranno utilizzate per la realizzazione delle seguenti attività :

•    Sostegno nella gestione indiretta dei servizi comunali Nido "Cavalluccio Marino" e Sezione Primavera "La Giostra": n.2 sezioni aggiuntive che accrescono l’offerta dei servizi educativi comunali.

•    Progetto Albero della Fantasia: il progetto nasce dalla  necessità di fornire risposte concrete ai bisogni degli utenti e dalla convinzione che creare opportunità di maggior collaborazione tra istituzione e famiglie significa anche facilitare le stesse nelle loro necessità di coniugare il lavoro con la cura dei figli e, nel contempo, appagare il loro
•    bisogno di informazione e di condivisione dei momenti di vita vissuti nell’arco della giornata dai loro bambini.

Di fatto, in ogni struttura educativa viene inserito personale educatore aggiuntivo nelle ore di chiusura del servizio quando le attività proprie del servizio,  richiedono maggior cura ed attenzione nei confronti dei piccoli ospiti e delle famiglie;

•    Nido Estivo:  apertura del servizio nel mese di luglio in continuità con il servizio educativo che si attua da settembre a giugno. L’attività viene resa per rispondere alle esigenze delle famiglie al termine dell’anno educativo, per far fronte alle necessità occupazionali e favorire la partecipazione dei membri responsabili di cura, ed in particolare delle donne, al mercato del lavoro, così come stabilito nella Raccomandazione della Commissione Europea sull’inclusione attiva (2008/807/CE).
Il Comune, risponde dunque alle necessità evidenziate dalle famiglie, rispetto al periodo estivo, con la messa a disposizione , di  n.2 strutture educative,  collocate nella zona costiera e nel centro città,  che ben si prestano all’accoglienza degli utenti provenienti dalle varie zone  cittadine. Si tratta di un’utenza specifica, già frequentante nel periodo invernale, individuata sulla base delle richieste che le famiglie andranno ad inoltrare. La continuità educativa è garantita da operatori che già hanno seguito i bambini nel corso dell’anno, considerando la necessità di garantire un clima di familiarità e la fruizione di spazi rispondenti all’espletamento di tutte le funzioni proprie del nido nel periodo estivo.

Info: Settore Istruzione - Servizi alla Prima Infanzia  tel. 0585 490511

 

***********************************
Ufficio Relazioni col Pubblico

Argomenti del sito: 

Data ultima modifica: 
Giovedì, 11 Ottobre, 2018