Teatro: Filumena Marturano

Filumena MarturanoNuovo appuntamento con il Teatro Guglielmi di Massa che presenta - da venerdì 4 a domenica 6 dicembre - una delle commedie più famose in tutto il mondo del teatro di Eduardo De Filippo, Filumena Marturano, con Luca De Filippo e Lina Sastri diretti da Francesco Rosi.

Preceduta dalla messa in scena di Napoli milionaria! e Le voci di dentro, Filumena Marturano segna l'ultima tappa del percorso di indagine che Luca De Filippo con la sua compagnia e con il regista Francesco Rosi ha intrapreso nella drammaturgia eduardiana dell'immediato dopoguerra. Riservandosi il ruolo già interpretato dal padre, Luca è Domenico Soriano, un uomo che, ha dichiarato, come tutti i protagonisti eduardiani "compie un percorso all'interno della commedia, parte in un modo e arriva in un altro. Filumena lo conduce attraverso un viaggio ‘iniziatico'. Pasticciere benestante, di una certa borghesia napoletana ipocrita ed egoista, Soriano riesce ad acquistare un rapporto completamente diverso con se stesso e con gli altri, si apre e finalmente riceve coscientemente l'amore che Filumena gli offre da anni".
La commedia affronta il tema, scottante in quegli anni dell'immediato dopoguerra, dei diritti dei figli illegittimi. Nel 1947, infatti, l'anno dopo la prima rappresentazione dello spettacolo, l'Assemblea Costituente sancì il diritto-dovere dei genitori di mantenere, istruire e educare anche i figli nati fuori dal matrimonio.

Il cast, oltre che da Luca De Filippo e Lina Sastri è composto da Nicola di Pinto, Antonella Morea, Silvia Maino, Gioia Miale, Carmine Borrino, Geremia Longobardo, Antonio D'Avino, Giuseppe Rispoli, Chiara De Crescenzo. Le scene sono di Enrico Job, i costumi di Cristiana Lafajette e le luci di Stefano Stachini.

Note di regia
Dare l'impressione allo spettatore che in scena o davanti ad una macchina da presa i personaggi stiano inventando le battute nella maniera più spontanea e vera possibile è l'obiettivo di registi e attori che desiderano riprodurre la realtà al di là di ogni mestiere e finzione. Per riuscire in questo risultato occorre la complessità e la verità umana dei personaggi rappresentati. Tra le commedie di Eduardo De Filippo, Filumena Marturano è quella più rappresentata nel mondo in tante lingue diverse. In ognuna lo spettatore ha riconosciuto la verità delle ragioni umane dei personaggi.
Filumena Marturano, ex-prostituta, tolta dal postribolo da un napoletano borghese e benestante, Domenico Soriano, tenuta per venticinque anni nella casa di lui come amante, pur se in condizioni d'inferiorità, è autrice di uno stratagemma per farsi sposare "in extremis" da Soriano, il quale vuole porre invece fine al legame perché si è innamorato di una giovane che vuole sposare...
Lo stratagemma pensato per farsi sposare e riconoscere i figli è una rivendicazione del suo sentimento di maternità. Filumena ha tre figli, avuti da tre uomini diversi, di cui due rimasti ignoti. Li ha voluti, li ha cresciuti, li ha assistiti, rimanendo nell'ombra senza mai rivelarsi come madre. Solo di uno è sicura la paternità, il figlio di Domenico Soriano, ma Domenico non lo sa e Filumena non glielo dirà mai, in nome della triplice maternità che difende con violenza perché "i figli sono i figli e devono essere tutti uguali". Filumena si batte perché Soriano dia il nome al suo figlio naturale, ma anche agli altri due...
La commedia di Eduardo porta al pubblico il problema dei diritti dei figli illegittimi, mentre nello stesso tempo l'Assemblea Costituente svolgeva un dibattito sulla famiglia e sui figli nati fuori dal matrimonio. La tematica affrontata da Eduardo trova riscontro nell'impegno dell'Assemblea Costituente e offre materia di riflessione per affrontare il drammatico problema. Il 23 Aprile 1947 l'Assemblea approva l'articolo che stabilisce il diritto-dovere dei genitori di mantenere, istruire e educare anche i figli nati fuori dal matrimonio. Nel febbraio del 1955 verrà approvata la legge che abolirà l'uso dell'espressione "figlio di N.N."

Francesco Rosi

Sabato 5 dicembre alle ore 17, presso i locali del teatro, Luca De Filippo incontrerà il pubblico massese presentato dall'esperta di teatro Anna Giannelli.

Per informazioni:
Comune di Massa

Settore Turismo, Cultura, Promozione immagine della città
Ufficio Cultura - Tel 0585 490210
E- mail silvia.ozioso@comune.massa.ms.it
URP Ufficio Relazioni col Pubblico
Numero verde 800 013846
www.comune.massa.ms.it

Fondazione Toscana Spettacolo
Tel. 055 219851 - fts@fts.toscana.it - www.fts.toscana.it

Argomenti del sito: