Voto assistito per gli elettori affetti da grave infermità

Gli elettori fisicamente impediti possono esercitare il proprio diritto di voto con l’assistenza di un altro elettore della propria famiglia, o in mancanza, di un altro elettore scelto come accompagnatore, che può essere iscritto nelle liste elettorali di un qualsiasi Comune italiano, come stabilisce la Legge n. 17 del 5 febbraio 2003.

Sono considerati elettori affetti da grave infermità i ciechi, gli amputati delle mani, gli affetti da paralisi o da gravi impedimenti agli arti superiori che non consentono di esprimere autonomamente il voto.
L'impedimento deve essere ricollegabile alla capacità visiva od al movimento delle mani. Sono escluse le infermità che riguardino la sfera psichica, a meno che questa condizione non comporti anche una menomazione fisica in grado di incidere sulla capacità di esercitare materialmente il diritto di voto.

ANNOTAZIONE PERMANENTE DIRITTO DI VOTO ASSISTITO (AVD)
Per evitare di doversi munire ad ogni consultazione elettorale dell’apposito certificato medico, gli elettori fisicamente impediti possono preventivamente chiedere al proprio Comune l’annotazione permanente del diritto di voto assistito sulla propria tessera elettorale (AVD), rivolgendosi all'Ufficio Elettorale e presentare:

  •     una richiesta su un modello predisposto dall'Ufficio Elettorale;
  •     la tessera elettorale dell'interessato;
  •     la documentazione sanitaria che attesta che l'elettore è impossibilitato a votare in modo autonomo.


Per votare con l'aiuto di un accompagnatore occorre quindi:

  • essere in possesso della tessera elettorale con l'annotazione specifica;
  • oppure essere in possesso di una certificazione rilasciata dall'ASL (consulta orari e turni U.O. Medicina Legale);
  • oppure, per i ciechi, essere in possesso di un libretto con annotati i codici 10/11/15/18/19/05/06/07 (i libretti più recenti non riportano più la dicitura relativa alla cecità).

Accompagnatore
Nessun elettore può esercitare la funzione di accompagnatore per più di un invalido;sulla tessera elettorale dell’accompagnatore, all’interno dello spazio destinato alla certificazione dell’esercizio del voto, è fatta apposita annotazione da parte del presidente del seggio nel quale l’elettore ha assolto la funzione di accompagnatore

 Normativa di riferimento

Legge 5 febbraio 2003, n. 17 "Nuove norme per l'esercizio del diritto di voto da parte degli elettori affetti da grave infermità"

AllegatoDimensione
PDF icon manifesto annotazione AVD46.04 KB
Data ultima modifica: 
Giovedì, 10 Maggio, 2018