Notizie passate

La ricerca può avvenire tramite parole "chiave" e/o argomento del sito. Si possono usare anche più filtri contemporaneamente, in questo caso, la ricerca sarà il risultato dell'unione di tutti i i filtri. La ricerca per parole chiave viene fatta sul titolo e sul testo contenuto nella pagina. Per "parole chiave" si intendono parole attinenti all'argomento cercato.
Inserire una o più parole chiave

Frana a Guadine: l'Amministrazione mantiene alto il livello di attenzione, ringrazia i volontari e la popolazione

Per il lavoro, l'impegno costante, l'abnegazione di operai, volontari, vigili del fuoco e tecnici che da quindici giorni stanno operando per mettere in sicurezza il versante montano interessato dalla frana verificatasi a Guadine nella notte tra il 27 e il 28 febbraio scorso, l'Amministrazione comunale ha voluto esprimere un sentito ringraziamento pubblico. Un particolare riconoscimento è stato rivolto mezzo stampa alla popolazione per la pazienza e la dignità con cui ha sopportato e sopporta la situazione di disagio venutasi a creare per la chiusura al traffico veicolare di Via Alta Tambura che dovrà protrarsi fino alla messa in sicurezza dei massi pericolanti rimasti sul versante.

Argomenti del sito: 


I classici nostri contemporanei: dal 19 gennaio al Guglielmi la rassegna che porta in scena quattro grandi testi classici

Dopo il successo dello scorso anno l’assessorato alla cultura e Fondazione Toscana Spettacolo rilanciano anche per il 2007 la rassegna di prosa  “I classici nostri contemporanei”. Si tratta di quattro spettacoli per quattro testi classici riscoperti da quattro giovani compagnie. Dal 19 gennaio prossimo al  Guglielmi si potranno gustare le piéce scritte da Goldoni, Garçia Lorca, Eschilo e Beckett ad un prezzo davvero vantaggioso. Oltre ad aver aumentato il numero degli spettacoli (lo scorso anno erano tre) il settore Cultura e Fondazione Toscana Spettacolo propongono quest’anno una bella iniziativa collaterale dal titolo “Il Teatro in Biblioteca, la Biblioteca a Teatro”. Presso la Biblioteca civica Stefano Giampaoli nei giorni di spettacolo si svolgeranno, nella sala della Linea Gotica a partire dalle 16,30,  incontri con le compagnie, mentre a teatro una postazione della Biblioteca darà informazioni su percorsi di lettura degli autori messi in scena oltre a fornire notizie e biografie sugli stessi.
Per questa rassegna, voluta soprattutto per avvicinare i più giovani a teatro e studiata per un pubblico di nicchia che vuole recuperare i classici riproposti da giovani ma già noti artisti, è partita la campagna vendita biglietti. Il teatro sarà interamente a disposizione per ogni spettacolo che è a posto unico al prezzo di € 10,00 (€ 8,00 per il ridotto) . In abbonamento si potranno vedere tutti e quattro gli spettacoli al prezzo speciale di  € 26,00. Come ha ricordato l’assessore Sabino Antonioli l’amministrazione ha voluto investire in questa rassegna che si rivolge espressamente, per temi e costi, ad un pubblico giovane. Oltre ad aver accresciuto il numero degli spettacoli  - ha aggiunto l’assessore alla cultura - abbiamo pensato di coinvolgere la cittadinanza in un rapporto diretto con le compagnie portandole però in Biblioteca in modo da creare uno stimolante interscambio di pubblico" 

Argomenti del sito: 


Approvata dal Consiglio Comunale la variante normativa al piano di recupero d'area del Nuovo Pignone promossa dalla Giunta

Il Consiglio Comunale, all'unanimità, ha approvato la variante normativa al piano di recupero d’area del Nuovo Pignone presentata dalla Giunta Municipale . L’atto è il via libera alla possibilità di ristrutturazione dell’azienda da un punto di vista urbanistico per far sì che l’azienda stessa possa adeguare gli edifici attualmente adibiti alla produzione alle nuove esigenze tecniche e tecnologiche dettate dalla modernizzazione dei macchinari. 
Come ha sottolineato il Sindaco Fabrizio Neri questo atto testimonia l’attenzione dell’Amministrazione Comunale alle esigenze avanzate dalle imprese locali che sono il vero volano dell’economia e possono trainare la ripresa di tutto il tessuto sociale e produttivo del territorio.
Abbiamo sempre dichiarato  - ha detto Neri - la nostra sensibilità alle esigenze di sviluppo concrete avanzate dalle aziende locali, aziende serie che presentano piani di rilancio produttivo e occupazionali, che hanno voglia di investire sul territorio. In particolare ci sentiamo di affiancare il Nuovo Pignone che è una delle più grosse aziende del comprensorio che sta vivendo un trand positivo, ha acquisito importanti commesse sul mercato internazionale e che aveva necessità di ampliare gli  impianti per adeguarli alle specifiche richieste avanzate dai mercati mondiali. Questa modifica normativa consentirà all’azienda di implementare gli impianti e noi ci auguriamo che lo sviluppo dell’azienda sia da traino per una ripresa della nostra economia”.
In pratica, la variante normativa licenziata dalla Giunta e approvata in Consiglio, permette di superare alcune rigidità fissate dal vecchio Piano di Recupero d’Area Nuovo Pignone adottato nel lontano 1995 dall’allora Consiglio Comunale.   Si tratta di un atto importante per lo sviluppo dell’azienda massese leader della produzione metalmeccanica che permetterà alla stessa di ristrutturare gli impianti produttivi  e di adottare un nuovo piano industriale all’altezza delle esigenze di produzione moderna.
La variante normativa approvata va in due direzioni. Da una parte aggiorna la definizione delle categorie di intervento fissate nella vecchia Legge Regionale n.59 del 1980 e già abrogata dalla successiva Legge Regionale n. 1 del 2005 consentendo così di adeguare il Piano di recupero d’area Nuovo Pignone adottato su quella base dal Consiglio nel 1995; dall’altra riforma la classificazione degli edifici (che vengono generalmente suddivisi in base a categorie quali il  valore storico, culturale,  ecc.) superando vecchie rigidità per rendere le stesse classi più flessibili e adatte a rispondere anche alle necessità di sviluppo tecnologico e produttivo di un’ azienda.
Questa variante esplicita le limitazioni alla gestione degli strumenti urbanistici e al potere di pianificazione dei comuni e  consente di adottare, approvare e rendere più efficaci quei piani attuativi con le loro varianti che si qualifichino come completamento di ambiti già urbanizzati . Sostanzialmente con la variante al Piano di Recupero d’Area l’azienda  Nuovo Pignone potrà ora ristrutturare l’edificio principale in cui avviene la produzione, alzare il capannone centrale e impiantare nuovi macchinari più moderni e efficienti che consentiranno lo sviluppo anche industriale della produzione. Le possibilità di aumento complessivo della volumetria dell’edificio sono  da adesso  legate alle funzionalità di produzione.

Argomenti del sito: 


Il comune di Massa fra gli espositori istituzionali alla millenaria fiera aostana di S. Orso

L’assessore alle attività produttive e commercio Fabrizio Brizzi  ha guidato anche quest’anno la delegazione comunale ospite della ormai millenaria fiera aostana di S. Orso. La tradizionale fiera internazionale di prodotti enogastronomici e artigianali è giunta alla 1007esima edizione e si è tenuta lo scorso 30 e 31 gennaio ad Aosta con un sempre crescente numero di espositori e visitatori.
Come ha sottolineato l’assessore Brizzi "la fiera di Aosta è un grande evento che attira visitatori da ogni parte d’Italia e anche dall’estero, con presenze che quest’anno sono state valutate intorno ai 200 mila visitatori. Ci sono oltre 1600 stands solo per il comparto artigianale, poi c’è un grande settore dedicato ai prodotti tipici e agli stands commerciali quindi un altro per gli ospiti istituzionali".
Fra questi, per la prima volta, su invito espresso del Sindaco di Aosta e il beneplacito della regione Val d’Aosta, il comune di Massa è stato presente con un proprio stand organizzato dall’assessorato alle Attività Produttive insieme alle associazioni Confturis e Strada del Vino."E’ un grande onore – ha ricordato Brizzi – essere ospitati in questa fiera. Per partecipare anche solo come semplici espositori ci sono liste d’attesa lunghissime e per il nostro Ente è stato un vero successo essere presenti fra gli stands istituzionali perché abbiamo aperto in questa grande esposizione una finestra su Massa e il suo territorio, i suoi prodotti, la sua gente. E’ stata un’occasione importante – ha concluso Brizzi – per promuovere il nostro territorio e i nostri prodotti, un’occasione che non ci siamo fatti scappare e che viene dopo più di tre anni di buoni  rapporti istituzionali con i nostri colleghi di Aosta. Lo scorso anno partecipammo come ospiti fra gli espositori alla fiera grazie all’ospitalità che ci venne offerta dagli amministratori aostani che modificarono il regolamento per l’accesso alla fiera. Negli anni scorsi siamo stati ospitati alla fiera di S.Grato che è un’iniziativa simile a quella si S.Orso ma meno radicata e di minor importanza. Quest’anno l’ufficializzazione fra gli stand istituzionali."

Argomenti del sito: 


Il Comune aderisce alla campagna M'illumino di Meno

L’Amministrazione Comunale, con l'approvazione della deliberazione di G.M. 24 del 9/2/2007, ha aderito alla Giornata Internazionale del Risparmio Energetico, promossa dalla redazione della trasmissione radiofonica Caterpillar  con l'iniziativa chiamata "Mi illumino di meno". Dalle ore 18 alle ore 19,30 del 16 febbraio  sarà spenta la illuminazione a giorno del Castello Malaspina e  la pubblica illuminazione della storica Piazza Aranci.

Argomenti del sito: 


Non vendete uova nè bombolette di schiuma. L'Amministrazione lancia un appello ai commercianti per un carnevale di festa

L’Amministrazione Comunale ha avviato una campagna di sensibilizzazione rivolta ai cittadini e ai commercianti per arginare i fenomeni di bullismo che caratterizzano il comportamento di alcuni adolescenti durante le manifestazioni e le feste di Carnevale.
Attraverso l’assessorato alle attività produttive di Fabrizio Brizzi e il Comando di Polizia Municipale, si è promossa e tenuta lunedì 19 febbraio, una riunione pubblica che ha coinvolto le associazioni dei commercianti e i rappresentanti del Centro Naturale Vivi-Città per invitare i proprietari di negozi e i gestori di pubblici esercizi a partecipare, anche in modo informale e simbolico, alla prevenzione di fenomeni di “imbrattamento” di persone, cose ed edifici pubblici.
Con una lettera firmata dall’assessore e dal comandante P.M. che verrà affissa sulle vetrine e nei negozi che aderiranno all’iniziativa, si chiede, come atto simbolico, ai commercianti e agli operatori della media e grande distribuzione di ritirare dal commercio per la giornata di Martedì grasso uova, bombolette spray di schiuma da barba, arance, farina e qualsiasi altro materiale o strumento che possa essere utilizzato per imbrattare cose o persone. In alternativa si propone di porre particolare attenzione ai banchi e agli scaffali che espongono tali merci affinché le stesse non vengano acquistate da adolescenti.
Come ha sottolineato l’assessore Brizzi "si tratta semplicemente di un atto simbolico e l’Amministrazione di Massa ha voluto testimoniare la propria vicinanza ai problemi lamentati dai cittadini e dai commercianti che sono vittime di certi fenomeni. La nostra intenzione è lanciare un messaggio di distensione a tutta la città chiedendo la collaborazione di tutti, anche e soprattutto delle famiglie, affinché il carnevale torni ad essere una festa, un occasione di divertimento per tutti". Dello stesso parere il Comandante PM e i rappresentanti delle associazioni economiche che, rappresentati da Paolo Arpagaus, Gabriella Selvini, Umberto Sarto e Giancarlo Pantani, si sono detti pronti a collaborare . L’impegno dei partecipanti alla riunione è di proporre per il prossimo anno la stessa campagna anticipandone i tempi e allargandola alla partecipazione delle istituzioni scolastiche per trovare forme di comunicazione dirette ai giovani.

Argomenti del sito: 


Si chiama PEC ed è il nuovo servizio di Posta Elettronica Certificata attivo in comune presso l'ufficio protocollo

Si chiama PEC, l’acronimo di Posta Elettronica Certificata, ed è il nuovo servizio di posta attivato in Comune in ottemperanza a quanto previsto dal Codice dell’Amministrazione Digitale (Dlgs n° 82 del 7 marzo 2005).
Si tratta infatti di una casella di posta elettronica il cui indirizzo è comune.massa@postacert.toscana.it ed è un sistema di comunicazione molto simile alla posta elettronica standard a cui si aggiungono alcune caratteristiche tecnologiche di sicurezza e di certificazione della trasmissione che rendono i  messaggi opponibili a terzi. I documenti trasmessi con questo sistema di posta elettronico sono inviati con firma digitale e quindi, per tutti gli effetti di legge, equivalenti all’originale, in altre parole, copie conformi dell’originale stesso.
Da quest’anno i cittadini, le imprese e le altre Pubbliche Amministrazioni locali e centrali, dotate a loro volta di una propria casella di PEC, potranno comunicare con il Comune di Massa inviando documenti informatici (file) con le stesse garanzie legali della Raccomandata Postale con Ricevuta di Ritorno. Queste garanzie sono legate al fatto che il mittente appena spedisce un regolare messaggio di PEC riceve dal proprio gestore di posta certificata una "ricevuta di accettazione" la quale, in quanto firmata digitalmente dal gestore stesso, ha lo stesso valore legale della ricevuta che le Poste rilasciano al momento della consegna di una raccomandata.
Inoltre, quando il messaggio spedito viene depositato nella casella di PEC del destinatario, il mittente riceve dal gestore della posta certificata un'ulteriore "ricevuta di consegna", anch'essa firmata digitalmente e quindi in quanto tale equivalente a tutti gli effetti di legge alla cartolina di A/R rilasciata dalle Poste. Ulteriore valore aggiunto di questo strumento è che, al contrario di quanto succede con la raccomandata ordinaria, la ricevuta di consegna contiene, in allegato, anche il messaggio vero e proprio (con tutti gli eventuali allegati). Questo significa che la PEC fornisce al mittente una prova, firmata dal gestore di posta certificata del destinatario, di tutto il contenuto che è stato recapitato. L’attivazione della casella PEC del comune è stata possibile grazie al lavoro di coordinamento del settore Servizi Informatici  che con il dott. Franco Dalle Mura ha seguito le fasi di installazione e formazione del personale. Responsabile della casella PEC e dell’Ufficio Protocollo è la signora Dina Ceragioli.

Argomenti del sito: 


Il TAR Toscana respinge la richiesta avanzata da Cir Food contro l'affidamento del servizio di ristorazione scolastica

La II Sezione del TAR Toscana, riunita in Camera di Consiglio il 25 Gennaio, ha respinto con ordinanza n. 98/2007 l’istanza cautelare presentata dalla Società  Cooperativa Cir Food S.c. – in proprio e quale capogruppo mandataria della costituente A.T.I. composta da Soc. Italiana di Ristorazione Società Cooperativa, Cooperativa lavoratori Ausiliari del Traffico L.A.T., B&B Service Soc. Coop. e Impresa Pulix Coop. S.c.r.l. - per richiedere la sospensione della determinazione del dirigente dell'Ente Dott. Santo Tavella con cui, in esito alla procedura di gara, è stato aggiudicato al Consorzio Team Service Soc. Consortile a.r.l. l'appalto concernente il servizio di ristorazione scolastica.
Il Giudice Amministrativo, in accoglimento delle tesi difensive dell'Ente, rappresentato dal Prof. Avv. Giuseppe Morbidelli e dall'Avv. Francesca Panesi,  ha infatti ritenuto che il ricorso non sia fondato su motivazioni giuridiche sufficienti per prevedere un suo accoglimento nella successiva fase di merito, riconoscendo al contempo la legittimità del comportamento tenuto dalla Commissione giudicatrice dell'appalto e dagli uffici del servizio Gare e Contratti dell'Ente. 
 

Argomenti del sito: 


Natale a Massa: tradizione e feste di piazza per tutta la famiglia

Feste di piazza, animazione per bambini, concerti e presepi storici.Tra tradizione e spettacoli senza dimenticare uno spazio dedicato alla musica e ai concerti, il  Natale a Massa sarà un un’occasione per ritrovarsi con tutta la famiglia. E’ stato l’assessore Sabino Antonioli a presentare, in conferenza stampa, le manifestazioni organizzate dall’Amministrazione per le festività natalizie che si terranno, quasi quotidianamente, nelle vie e piazze del centro a partire da lunedì 18 dicembre e fino all’Epifania compresa.
Zampognari, babbi natale, presepi storici , concerti gospel e la tradizionale festa di Fine Anno in piazza Aranci sono gli avvenimenti che anche quest’anno animeranno gli angoli della città e creeranno momenti di incontro per i cittadini massesi e non. <<Abbiamo cercato – ha detto l’assessore - di costruire un programma adatto a tutti con un occhio particolare rivolto ai bambini senza dimenticare i più giovani perché siamo convinti che il Natale sia un’occasione per ritrovarsi e godere della compagnia di parenti e amici>>.
Si parte lunedì 18 dicembre con l’esibizione del Golden Gospel Singer sul palco del Garibaldi ed è confermato anche il concerto di musica classica di Capodanno in collaborazione con l’orchestra di Massa-Carrara. Appuntamento clou, la festa di fine anno in piazza Aranci che sarà ripresa e trasmessa in diretta dalle telecamere di Antenna 3 con musica e balli per arrivare all’incontro ormai tradizionale e atteso dai più piccoli con La Befana che vien dal Mare che porterà doni e dolcetti sul Pontile di marina di Massa.
Tra i punti di forza di queste manifestazioni l’organizzazione di presepi storici nei luoghi malaspiniani della città grazie alla collaborazione con il professor Alberto Grossi, le scuole del territorio e l’assessorato alla cultura a celebrare il 450° anno dalla fondazione di Massa. Non mancheranno le occasioni di beneficenza con la Befana Azzurra dei vigili urbani e ci saranno il tradizionale presepe meccanico alla Rocca e il Giocoloriamo di telefono Azzurro per i più piccoli.

Argomenti del sito: 


Mercatini e feste di piazza salutano l'avvio del nuovo anno. In mostra le specialità della tradizione agroalimentare massese

Eventi caratteristici attesi dalla comunità come appuntamenti della tradizione con qualche novità che apre al sociale per unire l’aspetto più prettamente turistico e commerciale di alcune fiere e mercatini tipici di inizio anno a quello culturale e recuperare il senso sociale delle festività.

Argomenti del sito: 


Pagine